logo

L'Associazione

Il Giardino Segreto è un’associazione di promozione sociale che si prefigge di tutelare i bambini e gli adolescenti, e di prestare consulenza ed assistenza, innanzitutto sotto il profilo legale e psicologico, a tutti coloro che a vario titolo e ragione sono chiamati a prendersi cura di loro. L’associazione muove dal desiderio di intervenire concretamente per contrastare la violenza sui bambini, in qualsiasi forma essa si realizzi, e di dare seguito ai principi di diritto sanciti in tal senso dalle norme di diritto internazionale e di diritto interno. Tale mission, pur nella consapevolezza di quanto sia prioritaria la lotta al femminicidio ed ai reati perpetrati all’interno delle spesse mura familiari, muove dalla considerazione che la lotta alla violenza non è solo una questione di genere, bensì un obbligo morale, oltre che giuridico, di tutta la collettività. Ancor più quando coinvolge i bambini e gli adolescenti.

COSA FACCIAMO
Il Giardino Segreto presta assistenza legale e psicologica in via prioritaria. Si propone però anche altri obiettivi, quali la sensibilizzazione degli interlocutori istituzionali, anche attraverso attività di advocacy, affinché intervengano ove vi sono lacune normative pregiudizievoli degli interessi e dei diritti dei minori, e diano seguito concretamente alle convenzioni internazionali in materia. In ogni caso l’associazione si pone come interlocutore di secondo livello e la sua attività si svolge nel rispetto dei ruoli istituzionali e non riconosciuti ad altri soggetti.

PERCHÈ
I dati pubblicati dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza sulla violenza ai danni dei minori sono sconcertanti. Esiste in materia un vuoto normativo che impedisce una tutela adeguata dei fanciulli e degli adolescenti. Vogliamo creare una catena umana di solidarietà, concretamente operativa e professionale, per porre le basi di un diritto etico del minore alla resilienza cui ricorrere fintanto che non avremo colmato la lacuna normativa e realizzato strumenti di tutela giuridicamente cogenti. La vera sfida della democrazia è l’uguaglianza. Da questa uguaglianza non possono essere esclusi i minori perché loro rappresentano il futuro e perché il senso di civiltà di una società deve essere valutato anche sulla base delle norme poste a tutela dell’infanzia e dell’adolescenza. Non a caso la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia risulta, ad oggi, quella oggetto di maggiore adesione da parte di tutti gli stati.

COME
Il Giardino Segreto mette a disposizione dei genitori e di tutti coloro che si trovino a dover crescere e/o ad accudire bambini ed adolescenti, una rete di competenze e di servizi di ausilio concreto per fronteggiare situazioni di disagio e/o difficoltà. Desideriamo realizzare una rete caratterizzata dalla professionalità e dalla competenza, dal confronto, dalla sinergia e dalla pariteticità relazionale, sempre ed esclusivamente nel pieno rispetto dei ruoli affidati agli enti ed agli operatori di primo livello.

CON CHI
Il Giardino Segreto desidera partecipare attivamente alla promozione ed alla attuazione dei diritti dellíinfanzia e dellíadolescenza, in sinergia con altre organizzazioni locali e nazionali, istituzionali o appartenenti al privato sociale.

COSA PUOI FARE TU
L’Associazione si ispira ai principi della solidarietà sociale ed umana. Chiunque lo desideri più partecipare attivamente alla vita dell’associazione per realizzarne gli scopi, proponendo iniziative e progetti, oppure mettendo a disposizione le proprie competenze e specificità professionali per dare seguito agli scopi statutari. L’Associazione è apartitica, non lucrativa, e si ispira ai principi della democraticità della struttura, del rispetto delle pari opportunità tra uomini e donne, nonché della gratuite delle prestazioni e delle cariche. In tale contesto il contributo economico rappresenta un valido aiuto per dare seguito alle attività di studio e ricerca dai quali bisogna partire per realizzare il progetto principale dell’associazione dedicato ai figli delle donne vittime di femminicidio.

IL PROGETTO AIRONE
Il nostro primo progetto è dedicato alle vittime invisibili del femminicidio, ai bambini che sopravvivono all’uccisione della loro madre. Questi bambini hanno già subito nel corso della loro vita il trauma della violenza assistita, vale a dire quella violenza che si svolge dentro le mura domestiche e che vede protagonisti coloro che per primi sono chiamati a prendersi cura di loro: i genitori. Ad oggi non esiste nel nostro Paese una legge sulla violenza assistita. Con il progetto Airone mettiamo a disposizione: attività di assistenza psicologica e di consulenza legale per tutti coloro che si trovino ad accudire questi bambini, familiari e non; una rete di famiglie che possa essere di sostegno logistico nei giorni immediatamente successivi alla tragedia; un supporto psicoterapeutico a questi minori, compatibilmente con i provvedimenti relativi agli stessi ed in sinergia con gli altri soggetti che saranno chiamati ad intervenire.


Password dimenticata