IL GIARDINO SEGRETO PRESENTA

Le vittime invisibili del femminicidio:
i
figli che restano ed i familiari che li crescono

Roma, 14 Gennaio 2019 – ore 14.00 – 20.00

Campidoglio – Sala della Protomoteca

Se vogliamo aiutare concretamente i figli delle donne vittime di femminicidio, e le loro famiglie, dobbiamo ascoltarli:
solo il coraggio del loro racconto può aiutarci a capire qual’è la strada da percorrere ancora, per garantire loro il sostegno del quale hanno bisogno.
Agnese e Giovanni Paolo, Alfredo, Carmelo, Matteo, Giovanna, Stefania e Vera racconteranno quel che accade dopo il femminicidio.
Il racconto del loro dolore è il seme del futuro migliore che ci prefiggiamo di realizzare.
Da qui l’idea di quest’evento: una giornata di riflessione nella quale i figli rimasti, dopo il femminicidio della madre,
i familiari che si occupano di loro, la comunità, i rappresentanti dello Stato, gli operatori sociali ed i professionisti dialogheranno tutti insieme.

SCARICA LA LOCANDINA
IN FORMATO PDF
SCARICA IL COMUNICATO STAMPA
IN FORMATO PDF

IL GIARDINO SEGRETO SU RAI2

L’ASSOCIAZIONE

Il Giardino Segreto nasce nel 2015 dalla constatazione di quanto sia diffusa la violenza ai danni dei bambini e degli adolescenti all’interno della famiglia. L’esperienza sul femminicidio ci racconta di figli ai quali viene uccisa la madre, talvolta anche avanti ai loro occhi, spesso con modalità cruente e premeditate; ci racconta di una violenza spregiudicata e senza motivo, fine a se stessa che ha costretto questi figli ad anni di abusi. La morte della madre, talvolta davanti ai loro occhi, è spesso l’epilogo di un dolore che affonda radici nella primissima infanzia, di maltrattamenti, diretti e/o indiretti che hanno fine solo con l’uccisione della loro madre, lasciando però segni profondi. Il Giardino Segreto nasce per aiutare questi bambini, e tutti coloro che si occupano di loro, vittime invisibili del femminicidio. Vorremmo poter restituire a questi bambini quell’incanto e quella protezione di cui nessun bambino dovrebbe mai essere privato.

Vogliamo rendere visibili questi bambini e ridurre le differenze tra loro e tutti gli altri.
Non esistono dati certi su questi bambini. Dopo un breve cenno sulla loro esistenza da parte dei media, al momento dell’uccisione della loro madre, nessuno si occupa più di loro e dei familiari chiamati ad accudirli. Solo a gennaio 2018 il Parlamento ha approvato la legge n. 4 sui cd “orfani” di crimini domestici: il provvedimento presenta alcune criticità, ma è certo un inizio. Il Giardino Segreto è nato prima ancora di questa legge con l’idea, forse visionaria, di poter contribuire, se pur in piccola parte, a realizzare i principi di diritto sanciti dalla Convenzione di New York sui diritti dell’infanzia, l’uguaglianza di tutti i bambini ed il loro diritto ad una crescita sana e libera da ogni forma di pregiudizio. Vogliamo creare una catena umana di solidarietà, che agisce con serietà, professionalità ed amore, fintanto che non verranno colmati i vuoti normativi che ancora impediscono la piena realizzazione di questi principi.

CHI SIAMO

Il Giardino Segreto è un’associazione, senza scopo di lucro, costituita con l’obiettivo iniziale di prestare assistenza legale e psicologica gratuita ai figli delle donne vittime di femminicidio ed a coloro che si occupano di questi bambini. Nasce dall’esperienza professionale ed umana dell’ideatrice e fondatrice, Patrizia Schiarizza (avvocato a Roma), sensibile alle tematiche riguardanti i bambini, ragione per la quale ha sempre svolto attività di volontariato per associazioni di tutela delle donne e dei minori d’età. La stessa passione e sensibilità sociale ha portato al coinvolgimento delle altre due socie fondatrici, Paola Medde (psicologa) e Donatella Donadio (revisore contabile). Nel corso del viaggio si sono aggiunte altre figure professionali, medici, scrittori, responsabili di centri antiviolenza, e molte persone “comuni” che hanno aderito al nostro progetto.